Colpo di scena sul caso Straccia, i familiari contro i Carabinieri: ‘Inquinamento prove’

10/06/2014 - Colpo di scena a Pescara sul caso Straccia: la Procura generale dell’Aquila, a seguito di un esposto presentato dai familiari del giovane scomparso in circostanze mai chiarite dal capoluogo adriatico e ritrovato 3 settimane dopo a Bari, sta valutando nuovi elementi per la riapertura delle indagini.

Dopo una querela presentata nei confronti dei Carabinieri dal legale della famiglia Straccia, nei giorni scorsi alla Procura dell’Aquila è stato recapitato un nuovo faldone contenente perizie e altro materiale, destinato a gettare una nuova luce sul caso dello studente di Moresco, scomparso da Pescara il il 14 dicembre del 2011 e ritrovato morto nelle gelide acque del capoluogo pugliese.

Come si ricorderà, il caso era stato archiviato giusto un anno fa, accogliendo la tesi formulata dal giudice per le indagini preliminari, secondo cui la morte di Straccia era riconducibile ad una caduta in mare accidentale o di natura volontaria (suicidio). Una conclusione che non ha mai convinto i familiari e gli amici di Roberto, che hanno deciso di proseguire privatamente le indagini, affidandosi ad un noto studio legale di Roma.

Dall’indagine sono emersi numerosi elementi nuovi, come la sparizione dei tabulati telefonici di Straccia e il tentativo di accesso non autorizzato al profilo facebook dello sfortunato ragazzo. Questi, insieme ad altri elementi hanno gettato molte ombre sulle indagini, spingendo il legale a presentare una querela nei confronti dei Carabinieri, che hanno seguito sin dall’inizio il caso. Subito dopo la querela, la famiglia Straccia ha prodotto la nuova documentazione contenente intercettazioni e perizie effettuate sul corpo di Roberto. Tutti elementi che hanno spinto la Procura generale dell’Aquila a valutare la riapertura delle indagini, per verificare se e come sono stati commessi errori da parte degli inquirenti.
 


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it




Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2014 alle 12:54 sul giornale del 11 giugno 2014 - 887 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pescara, moresco, roberto straccia, chi l'ha visto?, persone scomparse, vivere pescara, Luigi Albore Mascia, marco verri, articolo, caso straccia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/5x4