Processo 'Housework', Luciano D’Alfonso assolto: ‘Grazie alla magistratura’

30/03/2015 - Sospiro di sollievo per il Governatore della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso: la Corte d’Appello dell’Aquila ha infatti confermato la sentenza di assoluzione emessa in primo grado nel 2013.

Oltre a D’Alfonso, la Corte ha assolto anche gli altri 17 imputati coinvolti nel processo Housework, compreso l’ex braccio destro del Faraone, Guido Dezio.

Cade quindi definitivamente l’impianto accusatorio dei pm della Procura di Pescara circa il presunto intreccio tra imprenditori e politici all’ombra di Palazzo di Città. I fatti sono relativi al periodo in cui l’attuale presidente della Regione era sindaco del capoluogo adriatico.

“Ringrazio la magistratura per aver sottoposto a scrupolosa validazione e approvato il mio operato da sindaco di Pescara”: sono queste le prime parole del Governatore subito dopo la sentenza. “Resta il rammarico - prosegue - per l’interruzione di un percorso amministrativo riconosciuto a tutti i livelli e che stava dando frutti preziosi per la città”.

 





Questo è un articolo pubblicato il 30-03-2015 alle 12:33 sul giornale del 31 marzo 2015 - 716 letture

In questo articolo si parla di cronaca, politica, pescara, tangenti, Abruzzo, corruzione, l'Aquila, regione abruzzo, Paolo di Toro Mammarella, Comune di Pescara, luciano d'alfonso, articolo, processo housework, guido dezio, carlo toto, housework

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/ahqQ