Visita di Renoldi al carcere dell'Aquila, UIL PA e FP CGIL: "Non sono state coinvolte tutte le Parti Sociali rappresentative, la Ministra faccia chiarezza"

1' di lettura 21/06/2022 - Una situazione senza precedenti storici, con il chiaro tentativo di minare le relazioni sindacali. È quanto avvenuto nella Casa Circondariale dell'Aquila, alcuni giorni fa, durante la visita del Capo Dipartimento Amministrazione Penitenziaria (il magistrato Carlo Renoldi).

A denunciare l'accaduto sono *Ruggero Di Giovanni Segretario Generale UILPA Abruzzo Polizia Penitenziaria e Giuseppe Merola Coordinatore Regionale FP CGIL Abruzzo Molise* che puntano il dito contro i vertici del penitenziario aquilano e pertanto hanno inviato una diffida al Ministero della Giustizia.

È stato permesso di fare ingresso in Istituto solo ad un dirigente sindacale di una compagine di categoria e relazionarsi con il presidente Renoldi, oltre a consumare il pranzo nella mensa di servizio, senza opportunamente coinvolgere tutte le Parti Sociali rappresentative - *commentano amaramente in sindacalisti* -

Pur non avendo alcun obbligo contrattuale di convocare le Organizzazioni Sindacali, non capiamo perché i vertici aquilani abbiano invece data la possibilità, ad una sola sigla, di presenziare alla visita istituzionale del Capo DAP - *concludono* - e pertanto ci riserviamo di valutare ulteriore coinvolgimento della giurisdizione amministrativa e civilistica per valutare eventuale danno erariale e condotta antisindacale (ex art.28 L.300/70). Intanto, la Ministra faccia subito chiarezza su questo aberrante episodio.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-06-2022 alle 09:46 sul giornale del 22 giugno 2022 - 104 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dcan