Crollo della casa dello studente a L'Aquila nel sisma del 2009, risarciti i 4 sopravvissuti

1' di lettura 08/03/2023 - E' stata depositata l'ultima sentenza di condanna al risarcimento danno a carico di Regione Abruzzo e Adsu per quattro giovani sopravvissuti.

Agli studenti universitari che alloggiavano nella casa dello studente a L'Aquila, crollata nel terremoto del 6 aprile 2009, è stata riconosciuta la sindrome post traumatica da stress in nesso causale con la traumatica esperienza vissuta, come riconosciuto in sede di Ctu, a produrre le menomazioni psichiche. Regione e Adsu sono state condannate a risarcire somme di danno biologico permanente che vanno da 180 a 200mila euro rivalutate, per ciascuno dei quattro studenti. Si tratta di una sentenza che s'inserisce in un filone di processi civili afferenti il crollo della Casa dello studente, dove morirono giovani studenti e altri riportarono lesioni.

La vicenda civile trae origine dal processo penale per il crollo dell'edificio a seguito della scossa delle 3.32, che fu attribuita a responsabilità umane come evidenziato dalle consulenze del team di tecnici della procura. Il processo penale si è concluso con la condanna della Cassazione per tre ingegneri e un architetto dipendente Adsu, per i reati di omicidio colposo plurimo, lesioni personali, disastro colposo e crollo di edificio.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 08-03-2023 alle 10:21 sul giornale del 09 marzo 2023 - 20 letture

In questo articolo si parla di cronaca, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dWkF





logoEV
qrcode